Il kombucha fatto con il miele

Il kombucha fatto con il miele

wed

L’utilizzo del miele come nutrimento per i microrganismi che fermentano il tè è una idea interessante dal momento che stiamo parlando di un alimento zuccherino simile al saccarosio (comune zucchero da cucina), ricco di fruttosio e di una moltitudine di altri componenti: sali minerali, polline, oli volatili e vitamine. E’ un prodotto stabile grazie alla elevata concentrazione zuccherina e al pH compreso tra 3 e 5.

Tuttavia una certa difficoltà nell’utilizzare il miele al posto dello zucchero bianco risiede nel fatto che esso possiede proprietà antibatteriche che spaventano i microrganismi del kombucha. Occorre inoltre fare attenzione alle impurezze, altrimenti lo scoby non riesce a nutrirsi al meglio. Di conseguenza bisognerà scegliere un miele purificato da residui di cera, dal polline in eccesso e dai lieviti derivanti dal nettare.

A parte questi ostacoli superabili disponendo di un prodotto pastorizzato e purificato, la fermentazione dovrebbe essere veloce, grazie alla presenza degli enzimi dello stomaco dell’ape che scindono il saccarosio nei suoi componenti, glucosio e fruttosio, attività che permettono allo scoby di compiere un passo in meno per sfamarsi. Al fine quindi di adattare lo scoby alla nuova fonte di energia si consiglia di aggiungere, almeno la prima volta, una parte di zucchero bianco e una parte di miele.

Oggigiorno si cerca di ridurre il consumo di zucchero, ma nel caso del kombuha, esso viene convertito nelle diverse sostanze aromatiche e benefiche, lasciando soltanto fruttosio in tracce.

L’aggiunta del miele al tè da trasformare in kombucha conferisce e mantiene un profilo di sapori morbidi, delicati e floreali. Ne risulta un drink tonico e probiotico da servire fresco o con ghiaccio.

E’ stato riportato che il miglior abbinamento si ottiene con tè verde e miele, una tradizione che sembra risalire alle antiche preparazioni dei monaci dell’Himalaya e dei nomadi guerrieri spirituali vaganti per le praterie del Tibet.

Anche il miele è un superalimento al pari del kombucha per la sua rinomata capacità protettiva del fegato e dell’apparato digerente, nel fissare alle ossa calcio e magnesio e di decongestionamento delle vie respiratorie superiori.

Alcune persone hanno provato a dolcificare il tè con altre fonti come lo zucchero di canna cristallino, il malto d’orzo, lo sciroppo d’acero e l’agave ottenendo buoni risultati.

Vedi anche: Tutte le proprietà benefiche del kombucha.

A voi il piacere di sperimentare con gusto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...